Passa ai contenuti principali

CONCORSO INTERNAZIONALE DELLA MUSICA

7-8-9-10 Maggio 2023 Numerosi studenti delle cinque classi del Liceo Musicale C. Rinaldini di Ancona hanno vissuto giorni intensi e indimenticabili partecipando al Concorso Internazionale della Musica “Francesco Cardaropoli”, svoltosi a Bracigliano (SA) nei giorni che vanno dal 7 al 10 Maggio scorso, e visitando luoghi di amena bellezza.

Accolti a Palazzo De Simone, un’antica e affascinante struttura costruita intorno all’anno 1000, dapprima facente parte di una cinta strategicamente progettata a difesa del territorio che circondava Napoli poi trasformata in residenza nobiliare, gli studenti si sono esibiti riportando risultati eccellenti. 

Nella giornata dell’8 Maggio si sono trovati fianco a fianco con il Liceo Musicale B. Munari di Acerra (Na) e, all’interno dello stesso concorso, con altri Licei Musicali proveniente da tutta Italia.

I risultati ottenuti sono i seguenti:

Gli allievi che si sono particolarmente contraddistinti ottenendo il punteggio di 100/100 con il merito della commissione sono:

- Maria Olimpia Renna-canto (3M) 
- Lorenzo Patrignani - chitarra classica in duo con Maria Olimpia Renna (3M)
- Ars NOVA (Cristian Montefalcone (3M), Filippo Gabbanelli (3M), Maria Olimpia Renna (3M), Giada Mercurio (3M), Brunelli Francesco (3M), Gloria Pau (5M)









A seguire:

- Cozzolino Antonio - flauto (4M) e Santilli Ilaria - flauto (5M) con la votazione di 99/100
- Marzia Marconi - pianoforte (5M),  Francesco Morreale - chitarra jazz (3M con la votazione di 98/100
- Cristian Montefalcone – pianoforte (3M) con la votazione 96/100
- Brunelli Francesco - canto (3M), Giuri Serena - Violino (1M), Patrignani Lorenzo - chitarra (4M), Guercio Chiara - pianoforte (5M), Belelli Giulia - pianoforte (1M) con la votazione 95/100
- Duo lirico Maria Olimpia Renna (3M) e Cristian Montefalcone (3M) e il trio lirico Maria Olimpia Renna (3M), Cristian Montefalcone (3M) e Filippo Gabbanelli (3M) con la votazione 94/100
- Prencipe Dafne - pianoforte (1M), Ranieri Ludovica - chitarra (1M), Gabbanelli Filippo - Canto
(3M), Mercurio Giada - canto e Carlo Ninnivaggi pianoforte (3M), Cristian Montefalcone – canto lirico (3M) con la votazione 93/100
- Pennacchioni Alice - pianoforte (1M) con la votazione 92/100
- Cinti Karina - pianoforte (4M) e Polenta Lisa -pianoforte (1M) con la votazione 90/100
- Marchionne Rafael Vasco - Piano (1M), Auriemma Christian- pianoforte (2M) e Alessia Pollara-chitarra moderna (5M) con la votazione 88/100
- Bonetti Caterina -pianoforte (4M) con la votazione 86/100







Il nome del nostro Liceo si è contraddistinto per serietà, professionalità e spiccata levatura musicale.
Tutti gli studenti hanno dimostrato una grande preparazione, senso civico nei confronti dei colleghi provenienti da altre realtà scolastiche e nei confronti dei luoghi che li hanno ospitati. Il responsabile del concorso e l’organizzazione tutta si sono complimentati con i nostri ragazzi.





I giorni dedicati alla musica si sono affiancati a quelli in cui la bellezza del territorio campano e le ricchezze che lo contraddistinguono hanno rapito gli occhi e il cuore degli studenti rinaldiniani.
Hanno potuto godere della meraviglia dei luoghi rimasti ancora integri nell’aspetto e nelle tradizioni come Agropoli, Salerno e Vietri, della grandiosità di Paestum, della magnificenza e dell’unicità della Reggia di Caserta con i suoi angoli spettacolari dedicati ai Giardini Italiani e ai Giardini Inglese, che neanche la pioggia primaverile ha potuto sminuire in bellezza e fascino e infine degli indimenticabili e unici scavi di Pompei visitati con il dolce tepore delle luci di un tramonto ineguagliabile.
Il ricordo e le sensazioni che ci hanno accompagnato nel viaggio di ritorno non lasceranno il nostro vissuto e la nostra memoria.
Lo stare insieme, condividendo momenti didattici, agonistici, di profonda riflessione, ludici, giocosi e spensierati, ci ha arricchito nell’ottica della crescita sia come studenti e soprattutto come persone.

Commenti

Post popolari in questo blog

In Romagna con il badile: la testimonianza di Kledi un nostro alunno della 5G Scienze Umane

I motivi che mi hanno spinto a fare il volontario in Emilia Romagna nonostante avessi quest’anno l’esame di maturità sono tanti e, tra questi, il principale è che mi sembrava giusto aiutare quelle persone che erano state colpite dall’alluvione, perché erano stati colpiti per una catastrofe naturale grave e pesante. Grazie a questo fatto, ho capito che nella vita non bisogna aspettare l’occasione, ma crearla. Nella vita mi sono sempre sentito in dovere di aiutare gli altri anche nelle piccole cose, perché aiutando gli altri poi mi sento bene con me stesso. Poi l’Emilia Romagna, come del resto tutta l’Italia, è un paese che amo alla follia e per dimostrare questo amore mi sono sentito in dovere di aiutare questo bellissimo paese e le persone che ci vivono. In quel giorno in cui sono andato ad aiutare, ho avuto l’onore e il privilegio di vedere la grandezza d’animo di tutte quelle persone che venivano da tutta Italia che lavoravano e aiutavano la popolazione colpita dall’alluvione. La cos

UNA SORPRESA INASPETTATA di T.Talarico

Clarissa si era appena seduta sul bordo del letto ,quando la sveglia suonò ,lei ormai si era alzata già da un po di tempo ,pensando a cosa il giorno le avrebbe riservato. Quello sarebbe stato un giorno molto importante ,infatti sarebbe andata in una nuova scuola , ancora si ricordava di quando aveva dovuto salutare le sue amiche , con la promessa che l’estate successiva si sarebbero riviste e rifletteva sul fatto che lei non sarebbe andata più a scuola con loro, gia si immaginava che Chiara, la sua migliore amica ,in quel momento ancora doveva decidere cosa mettersi per quel giorno , lei era stata sempre cosi , un’eterna indecisa , dall’altra parte pero c’era lei ,Clarissa , che al contrario di Chiara era una ragazza molto decisa e sicura . In quel momento però sembrava che la sicurezza,che aveva avuto fin da bambina , da quando ad esempio pur non sapendo nuotare non si era fatta intimorire dall’acqua e si era tuffata ,senza riflettere a quello che sarebbe successo in seguito,la stess

SALLUSTIO, MARIO E CATONE MAGGIORE

"Non sunt composita verba mea: parvi id facio. Ipsa se virtus satis ostendit; illis artificio opus est ut turpia facta oratione tegant. Neque litteras grecas didici: parum placebat eas discere, quippe quae ad virturem doctoribus nihil profuerant".  Sallustio, in questo suo Mario del Bellum Iughurtinum , mostra al meglio un atteggiamento, un tono o, per i malevoli ("Priscorum verborum Catonis ineruditissimus fur" lo chiamò un liberto di Pompeo, certo Leneo che Svetonio nel De Grammaticis dice offeso nel suo patrono) una posa in cui è difficile credere che egli stesso non si riconoscesse o, almeno, ammirasse con superbo rimpianto. Stile, quello del Mario sallustiano, che è poi quasi sintesi e concentrato di quello del suo autore, che è brusco eppure elevato, fiero ma mai tumido, aristocratico e mai molle.  Chi parla -e scrive- così siamo tentati di vederlo col mento alzato, lo sguardo cupo che non sapremmo se dire più torvo o triste, e la bocca leggermente contratta i