Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2019

Animo ragazzi! Il Coro ricomincia dal 7 ottobre

L'ultima uscita è stata il 27 settembre e il Coro d’Istituto è già pronto a ricominciare, sempre guidato dal Prof. Marco Guarnieri.
La settimana scorsa il Coro, in occasione della cerimonia di apertura dei Giochi Giovanili - Youth Games Progetto/Evento Erasmus Plus (A.NI.M.US. Adriatic IoNIan GaMes for social inclUSion) che si sono tenuti ad Ancona dal 27 al 29 settembre, era stato invitato per eseguire l’Inno alla Gioia (anche conosciuto come Inno Europeo) di L. van Beethoven e Il Canto degli Italiani di G. Mameli.
Un grande onore e un'importante vetrina.
Gli Youth Games sono un evento sportivo internazionale al quale hanno preso parte delegazioni sportive di giovani (15 e 16 anni) provenienti da 16 Paesi membri e potenziali candidati all’UE, per un totale di 1000 atleti e 800 tra docenti e studenti della Provincia. Grande entusiasmo ed emozione ha suscitato nei coristi e nel pubblico l’esecuzione dell’Inno di Mameli: dare voce alle note del brano che rappresenta il nostro t…

LICEO MUSICALE: TUTTI GLI ALUNNI PREMIATI NEL 2019

Anno straordinario per il Liceo Musicale che mai come in questo 2018-2019 ha avuto premi e riconoscimenti prestigiosi nell’ambito di concorsi musicali di rilievo nazionale ed internazionale.
Numerosissimi gli allievi premiati nelle competizioni cui la scuola ha partecipato: hanno dimostrato grande professionalità, talento ed impegno esemplari.
Il primo ad aprire questo intenso periodo è stato il XXI Concorso Nazionale di Musica “Zangarelli” organizzato dalla scuola “Alighieri-Pascoli” di Città di Castello, in cui tutti i nostri alunni si sono distinti per la loro bravura e si sono posizionati nell’ambito dei primi tre classificati. Ha partecipato anche il Coro d’Istituto che ha ricevuto apprezzamenti particolari tra i tanti cori provenienti da tutta Italia. Gli alunni che hanno conquistato il Primo posto sono stati: Joyce Cepillo (canto), Federico Cau (canto), Giorgia Nina (percussioni), il Coro d’Istituto, e il duo Tommaso Rocchetti (sax) e Francesco Taucci (pf).


Il secondo concorso…

#200INFINITO

Il 28 maggio anche il Liceo di Stato ‘Carlo Rinaldini’ ha aderito al flash mob #200infinito.
Nata da un’idea di Olimpia Leopardi e promossa dal MIUR, l'iniziativa ha visto le scuole italiane coinvolte in una lettura collettiva de L’infinito di Giacomo Leopardi per celebrare i duecento anni di questo celebre componimento.
Nel nostro Istituto, a dare voce ai versi più amati della letteratura italiana è stato Riccardo Fabietti (V Bt) preceduto da una breve introduzione scritta e letta da Lucia Copparoni (V Cm).
Per i corridoi, le aule, i laboratori e gli uffici è risuonata la potenza e la bellezza infinita della poesia. Il video è opera dell’alunno Federico Cinotti della III Bm.

RISULTATI DI ECCELLENZA NELLA RICERCA LETTERARIA

"I lavori di Lucia Copparoni e Riccardo Fabietti solcano la strada della ricerca letteraria con un’analisi scientifica attenta e profonda che parte dalle opere per trovarne lo spazio nel percorso umano e intellettuale dello scrittore e nel contesto storico letterario del periodo." (P. Vaccaneo) 
Venerdì 31 maggio si è svolta presso il nostro istituto la premiazione dei lavori realizzati nell'ambito del progetto "Il Rinaldini incontra il Novecento"  Una giuria di esperti di alto livello è stata quella composta dal proferssor Corrado Bologna, ordinario presso la SNS di Pisa, e dal direttore della Fondazione Cesare Pavese dott. Pieluigi Vaccaneo, che hanno affiancato la giuria interna composta dalle docenti referenti del progetto, proff. Montemurro e Santacroce. E davvero di alto livello è stato il lavoro di ricerca realizzato da parte di Riccardo Fabietti (5 BT) e Lucia Copparoni (5 CM) che si sono cimentati con due giganti del Novecento quali Giorgio Caproni …

VENERDÌ 24 MAGGIO IL SECONDO SCIOPERO GLOBALE PER IL CLIMA

La mattina di venerdì 24 maggio prossimo si terrà il secondo sciopero globale per il clima che, analogamente al primo, vedrà coinvolti tutti i ragazzi e gli studenti del mondo. Dopo lo sciopero del 15 marzo scorso abbiamo ottenuto il supporto degli scienziati del comitato “La Scienza al Voto” che, tramite una lettera aperta, ha subito trovato l’appoggio di numerosi altri studiosi del clima e non solo. Crediamo che protestare per chiedere che venga rispettato l’Accordo di Parigi debba essere un dovere morale di tutti i cittadini, in particolare di coloro che subiranno maggiormente le drammatiche conseguenze della crisi climatica in atto. Questo tipo di manifestazioni sono legittimate da una conoscenza scientifica oggi più solida che mai: l’ultimo rapporto dell’IPCC (ottobre 2018) intima di ridurre le emissioni di gas serra del 50% entro il 2030 e del 100% entro il 2050. Non c’è più tempo e i campanelli d’allarme si stanno già facendo sentire, dagli eventi meteorologici sempre più anom…

NEL NOME DI DUE VECCHI COMPAGNI. PREMIATO IL VIDEO DEI RAGAZZI DELL'ASL “RICERCA STORICA E ARCHIVIO DI STATO" SU GIACOMO E SERGIO RUSSI

Li ricordano due pietre d'inciampo due sampietrini dorati incastonati, uno vicino all'altro nel selciato nella zona di Corso Amendola. Non vi daremo le coordinate, le pietre dell'artista tedesco Gunter Demnig sono pensate per venirci addosso quando non ce lo aspettiamo, come il destino ha fatto con gli uomini a cui sono dedicate. Il Regime fascista aveva spie dappertutto, in tutte le osterie e in tutti i pianerottoli. Giacomo e Sergio Russi, padre e figlio, pionieri dell’industria farmaceutica nazionale, caddero vittime della delazione e della discriminazione razziale. Finirono deportati nel campo di concentramento nazista di Meppen Versen in Germania. Qui, innocenti, morirono nel 1944. A ricordarne le figure adesso c'è anche un video, che si è aggiudicato il premio speciale alla 6^ edizione del Concorso Scolastico Regionale “Esploratori della memoria”, indetto dall’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra.



Il documentario si intitola “Talenti strappati a…

“OVUNQUE SARAI” IL RITORNO DI JACOPO MICANTONIO

Il 15 aprile è uscito il nuovo singolo di Jacopo Micantonio della 5G dello scorso anno Il pezzo è disponibile su Spotify e sui principali digital store.  Ieri il brano, scritto da Jacopo e Javier Eduardo Maffei ha vinto il Premio speciale del Presidente di giuria al 24° Festìval dell'Adriatico - Premio Alex Baroni. Complimenti davvero. Jacopo ha solo 19 anni, ma ha già un bel repertorio. se non lo conoscete ancora come artista è l’occasione buona per farlo. In bocca al lupo, Jacopo!


TORNEO DI DIBATTITO AL RINALDINI

Il 30 aprile 2019 si è svolto il primo torneo di dibattito interno nel nostro Istituto. Quattro classi del triennio indirizzo classico 3at-3bm-4bm-4dm, con le loro rispettive squadre, si sono confrontate nel dibattito regolamentato, accompagnati e sapientemente preparati dai loro prof-coach: il prof. Marco Gnocchini (3at), il prof. Matteo D’Amico (3bm, 4bm), la prof.ssa Anna Grazia Rossetti (4dm). I tre incontri, due nella fase di selezione a eliminazione diretta e l’ultimo della finale, hanno messo a dura prova le giurie per la bravura dei ragazzi, che con ammirevole capacità oratoria e rigore argomentativo hanno affrontato due temi molto complessi: ‘Conta di più la libertà o l’uguaglianza?’, la quaestio della fase di selezione, ‘Si può parlare di guerra giusta?’, la quaestio della finale.
Il dibattito ha seguito il protocollo della Patavina Libertas della Palestra di Botta e Risposta di Padova, che si ispira alla disputatio della nostra tradizione. La finale si è svolta in Aula Magna…

IL CORO D'ISTITUTO AL “FESTIVAL DI PRIMAVERA”

Quest’anno c'erano più di mille studenti provenienti da tutta Italia a Montecatini. Eravamo presenti anche noi, naturalmente: anche quest’anno il Coro d’Istituto ha partecipato, dal 10 al 13 aprile, alla diciassettesima edizione del prestigioso Festival Corale Nazionale “Festival di Primavera” di Montecatini Terme (PT). 

Al Coro d’Istituto è stato assegnato l’atelier All that rhythm – all that heart, tenuto interamente in inglese, sotto la guida del Maestro di fama internazionale Michael Gohl. 
I brani oggetto di studio hanno toccato i più disparati generi musicali: dalla polifonia sacra di O sacrum convivium di L. Molfino, alla musica etnica del canto tradizionale nigeriano O-re-mi e del canto tradizionale tanzaniano Tuonane paradiso per concludere con un canone di body percussion Body rhythms e dall’intramontabile standard jazz I got rhythm composta da George e Ira G. Gershwin. 

I 45 ragazzi del Coro d’Istituto si sono esibiti nella serata da coro a coro nello splendido teatro …

"MI MANCHERÀ SICURAMENTE L’ALLEGRIA, IL SORRISO E L’ENERGIA DEI RAGAZZI"

Dopo vari tentativi di prendere un appuntamento con lei, riesco a convincere la professoressa di ginnastica, Alessandra Alessandrelli, a dedicarmi un po' di tempo per un’intervista. La professoressa è stata scelta per l’allegria e per l'umorismo che è sempre presente durante le sue lezioni! Ma soprattutto perché, purtroppo, dal prossimo anno, ci abbandonerà: ha deciso di andare in pensione… vediamo cosa ha raccontato a noi del Carletto.

Alunna: Ci siamo prof? Professoressa: Eccome! A: Partiamo? P: Te non ce l’hai un foglio di carta e una penna? A: No registriamo… è più semplice… P: Oddio… ma io ci devo pensare alla risposta…mi sento ancora peggio… A: Ma no prof! Viene tutto più spontaneo!
Iniziamo con la sua carriera scolastica e lavorativa! Innanzitutto, ho studiato da ragazza alle scuole magistrali e tre anni a Urbino all’ISEF; quindi ho insegnato come allenatrice di atletica leggera: due anni di centri estivi e diverse lezioni ai bambini delle elementari. Quando ho fatto la…

UNA PAGELLA IN MARE

Sono stata al flash mob sulla spiaggia di Collemarino alle 15:30, perché mi ha invitato una mia compagna di classe che è tra le organizzatrici di questo progetto.
Le persone che hanno preparato l'evento hanno cucito una pagella sulla mia felpa in ricordo di un ragazzo recuperato morto in mare qualche anno fa con, anche lui, una pagella cucita sui vestiti.
Quel ragazzo, però, aveva una comune pagella con scritti sopra dei voti, invece, a noi è stata data una pagella con scritti dei diritti accanto ad ogni materia:


Lingue: hai il diritto di esprimere liberamente i tuoi pensieriStoria: hai il diritto anche tu a vivere la tua vitaMatematica: hai il diritto di "contare"

Gli organizzatori ci hanno invitato a stenderci sulla sabbia e hanno fatto passare sopra di noi un telo azzurro per simulare il mare. Questa esperienza mi è piaciuta molto ma allo stesso tempo è stata un po' malinconica perché era ispirata ad un evento tragico. In seguito ho intervistato una delle coordina…

NON SI VEDE NULLA ALL'ESTERNO DI QUESTO FUOCO CHE MI BRUCIA IL CUORE?

Nostra Damus, Notre Dame, Nostra Signora…la cattedrale per eccellenza, celebrata nel romanzo di Victor Hugo “Notre Dame de Paris” da cui sono tratte le parole che hanno dato il titolo a questo articolo.  Non mi aspetto che tutti abbiate letto il libro, magari avrete visto il film Disney “Il Gobbo di Notre Dame”, ma credo che tutti ora conosciate questo monumento parigino; l’abbiamo vista tutti ardere, divorata dalle fiamme, come lo stesso Hugo aveva profetizzato nel libro:

<< in cima alla galleria più elevata, più in alto del rosone centrale, c’era una grande fiamma che montava tra i due campanili, con turbini di scintille, una grande fiamma disordinata e furiosa di cui il vento a tratti portava via un limbo nel fumo>>
Una cattedrale gotica, con il rosone gigantesco, nel quale sono rappresentati i santi; con le statue di quest’ultimi che osservano tutti i fedeli che varcano la soglia; con i “guardiani di pietra”, i famosi gargoyle (statue che allontanavano gli infedeli, s…

STABAT MATER

Domenica delle palme, chiesa di san Ciriaco, per gli anconetani il “Duomo” …40 coristi, tra bambini, adolescenti e adulti, si scaldano la voce, si sistemano le divise a vicenda e ripetono le parti. 
Un concerto glorioso, le cui note risuonano tra le arcate della chiesa e che restano in sospeso, tra un respiro e l'altro; ogni voce esprime un momento preciso dell’opera: stabat mater, la storia della tristezza di una madre che perde il figlio, ma che poi si risolleva, innalzando un pianto reso realistico dalle voci bianche del coro Orlandini. 
Una storia raccontata piangendo, una gloria che ti trascina con sé, portandoti davanti alla croce, insieme alla Madonna; un pianto che si interrompe, perché poi, attraverso le voci del coro giovanile, la speranza sembra più vicina, quasi vera e finalmente si può gioire. 
L’orchestra che intanto ci accompagna attraverso questo viaggio, enfatizzando il pianto, la tristezza, la gioia, la gloria…le emozioni, che la chiesa, gremita di gente, non fa …

UN METRO DA TE

Will e Stella sono due giovani entrambi malati di fibrosi cistica; dopo essersi incontrati in ospedale i due si innamorano e decidono di affrontare insieme una terapia per guarire, tuttavia la loro malattia li costringe a stare costantemente due metri l'uno dall'altro: il loro scopo diventa quindi quello di poter avvicinarsi sempre più, per giungere ad avere un contatto fisico. Stella conosce Will in ospedale, dove è costretta ad andare spesso fin da piccola, per colpa di una malattia che le attacca i polmoni. Ora deve stare attenta a rimanere lontana da tutto quello che potrebbe passarle un'infezione che le impedirebbe il trapianto. Cerca di aiutare il suo amico organizzando un diario delle cure che deve fare. Lui, che è così stufo e ribelle le deve molto. Ma è così difficile conoscersi così tanto sempre a distanza di sicurezza. L'affetto che nasce fa si che sia pericoloso per i loro cuori.
Caratteristiche Titolo originale: Dove Feet Apart Lingua originale: inglese A…

IL CAMBIAMENTO DOBBIAMO ESSERE NOI

Mi chiamo Dana. Sono nata e cresciuta in Italia, ma ho origini ucraine.  Anche se questo non importa. Non importa dove sono nata io, o dove siete nati voi. Siamo tutti fratelli e siamo tutti nati nella stessa casa, nel nostro pianeta.  E ora, mi chiedo dove nasceranno le prossime generazioni. Mi chiedo cosa lasceremo. Mi chiedo in che condizioni. Mi chiedo il perché siamo arrivati fino a questo punto. Ho tante domande a cui purtroppo non riesco a dare una risposta.  Il nostro problema è che diamo la colpa al tempo. Pensiamo che sia il tempo che rovina le cose. Quello che ignoriamo, perché in fondo noi lo sappiamo, è che siamo noi che determiniamo il tempo. Siamo noi che lo acceleriamo. La Terra sta invecchiando e sta morendo a causa nostra. Noi stiamo finendo il nostro tempo, lo stiamo consumando, e lo sappiamo. 
Pensiamo sempre che se c’è qualcosa da fare, lo farà qualcuno. Non riusciamo a capire che dobbiamo essere noi quel qualcuno. Non serve far parte di qualche associazione per f…

CAMBIAMO IL MONDO PER MIGLIORARE IL NOSTRO FUTURO