Passa ai contenuti principali

ASL: Valorizzazione degli spazi verdi: è pronta l'Aula 1.0

"Ci ha rovinato il progetto l'ingegnere della Provincia, sennò avevamo finito da una settimana" (Giuseppe Rometta, ADA)
Dopo due anni di lavoro, gli spazi esterni del Liceo iniziano a essere finalmente fruibili.
Lo scorso anno oltre 15 persone hanno lavorato alla pulitura della macchia inestricabile di pruni che assediava le pareti della scuola "siamo riusciti a costruire quella casetta degli uccelli - commenta il prof. Raniero Colonnelli, responsabile del progetto "Valorizzazione degli spazi esterni" - quest'anno eravamo in quattro ed è andata molto meglio abbiamo fatto questo"

Non solo studenti in verità, fondamentale è stato anche il contributo degli over 65 di Ada, Associazione Diritti Anziani, testimoniato dal servizio di Linda Cittadini di su E'TV Marche


Il piccolo teatro ha preso forma questa mattina sotto gli alberi della collina del Canale; nove panche e una pedana multifunzione in cemento destinata a ospitare una cattedra (nel senso etimologicamente corretto del termine dal latino cathèdra, in pratica cadrèga). Serviranno innanzitutto a ospitare le classi per delle lezioni all'aperto, poi si vedrà. 
La realizzazione della nuova infrastruttura è stata più complicata del previsto. L'ingegnere della Provincia, che è la proprietaria dell'edificio del Liceo Rinaldini con tutte le sua pertinenze, ha imposto per ragioni di sicurezza panche più basse di 30 cm e solidamente cementate. Questo ha comportato fondazioni più profonde, visto che l'alternativa sarebbe stata quella di segare tutte le zampe delle panche.
Il lavoro è stato comunque portato a termine nei tempi previsti dal progetto ASL e tangibile era la soddisfazione di tutti gli operai.

Commenti

Post popolari in questo blog

16° “Festival di Primavera”. Il nostro coro a Montecatini Terme

Come ormai consuetudine, anche quest’anno il Coro d’Istituto ha partecipato, dal 18 al 21 aprile, al noto Festival Corale Nazionale “Festival di Primavera” di Montecatini Terme, giunto alla sedicesima edizione.
Sono stati 34 i cori partecipanti all’edizione 2018 provenienti da tutte le regioni per un totale di oltre 1000 ragazzi.
Al Coro d’Istituto del Liceo è stato assegnato l’atelier “Sospesi tra mare e terra”, un racconto fiabesco fatto di tradizione e vita vissuta, narrato attraverso canti popolari occitani, còrsi e provenienti da varie regioni italiane.
I brani oggetto di studio, Eramu in camu (tradizionale corso), La Sobirana (popolare occitano), Ma lu trenu di Bastie (tradizionale toscano/corso), Son sonate le nove di Roma (popolare della maremma), Au pays de Lérida (tradizionale occitano) sono stati proposti dal M° Simone Faraoni, direttore di coro ed etnomusicologo.
I 38 ragazzi del Coro d’Istituto si sono esibiti nella serata “da coro a coro” nello splendido teatro del Cent…

ANCORA VITTORIA PER GLI SCACCHISTI DEL RINALDINI

Dopo un oro alle Nazionali del 2016, un bronzo a quelle del 2017 ed un consolidato dominio della classifica regionale difeso ormai da quattro anni, lo scacchismo del liceo Rinaldini ha ottenuto ulteriore conferma del proprio valore con i successi ottenuti alle gare provinciali, disputate lo scorso 16 marzo ad Osimo, all’interno del Palabaldinelli. In tale contesto, sia la squadra Junioresfemminile (Caterina Maggi 3 Ct, Sofia Terranova 4 Cm, Agnese Sabbatini 2 At, Gloria Scatizza 5 G) , che quella Allievimaschile (Masera Lorenzo 3 Dm, Valenza Nicola 3 Dm, Sabbatini Diego 2 At, Antonelli Bartolomeo 3 Dm) si sono classificate al primo posto, mentre onorevole piazzamento è stato ottenuto dalla squadra Allievi mista (Doga Francesco 2 Bm, Fiorini Alessia 3 Dm, Cinotti Federico 2 Bm, Cucculelli Andrea 2Cm). A seguito di tanti e tali successi è dunque parso giusto e doveroso intervistare, congratulandoci con loro, due membri della squadra femminile cui dobbiamo l’ultima conquista di questo per…

Un’esperienza di Alternanza Scuola-Lavoro al Museo Omero:

Dopo aver intrapreso il percorso dei beni culturali e aver svolto il compito di “cicerone” nelle giornate del F.A.I., ho deciso di svolgere il mio tirocinio lavorativo presso il museo tattile statale Omero, situato nella Mole Vanvitelliana, nei giorni 21/22 e 28/29 Aprile. 
Il mio primo compito è stato quello di familiarizzare con il nuovo ambiente, perciò oltre a visitare i luoghi dove sono esposte le opere, sono venuta a conoscenza anche dei reparti con i quali il “pubblico” del museo non entra spesso in contatto, come gli uffici, i laboratori didattici o le scale d’emergenza, e con i sistemi di sicurezza e di allarmi; è infatti fondamentale conoscere bene l’ambiente interno di un luogo di lavoro per le diverse necessità che possono presentarsi, ad esempio è stato molto importante per me sapere dove era situato l’ascensore, che mi ha permesso di accompagnare facilmente verso l’uscita alcuni visitatori disabili che non potevano utilizzare le scale. Sono stata fin da subito accolta.