Passa ai contenuti principali

Smog: codice rosso





L'inquinante atmosferico è un fattore o sostanza che determina l'alterazione di una situazione stazionaria attraverso:

· la modifica dei parametri fisici e/o chimici;

· la variazione di rapporti quantitativi di sostanze già presenti;

· l'introduzione di composti estranei nocivi per la vita direttamente o indirettamente.

Nel mondo sono 7 milioni le persone che muoiono ogni anno prematuramente a causa dell’inquinamento atmosferico, ciò è stato rivelato dall’annuale aggiornamento dei dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).



L’esposizione agli inquinamenti atmosferici oltre i limiti previsti dall’OMS causa in Europa ogni  anno la morte prematura di 400.000 individui, 60.000 solo in Italia, che insieme alla Germania (66.000) è il paese europeo più inquinato. 

L’Italia, agli ultimi posti tra gli stati europei per la qualità dell’aria, rischia il deferimento alla Corte di Giustizia della Ue per il mancato adeguamento alle norme anti-smog: la multa potrebbe arrivare al miliardo di euro. Infatti la normativa sull’ambiente è regolata dalle leggi europee, che hanno l’obbiettivo di fornire un quadro conoscitivo e rappresentativo dello stato della qualità dell’aria attraverso i dati di concentrazione di PM10 in atmosfera, consentendo il confronto tra i Paesi membri della Comunità stessa.


Il superamento di tali limiti procura conseguenze di grave entità per la salute umana e malattie importanti quali: l’asma, la bronchite, crisi enfisematose e problemi di coagulabilità del sangue fino a, nei soggetti a rischio, malattie neuro cardiologiche, ischemie; a lungo termine tumori, ictus, modificazioni genetiche, e anche malattie neuro degenerative come l’Alzheimer. 

Ancona nei dossier Legambiente del 2010 e 2011 risulta tra le città più inquinate d’Italia per superamento dei limiti di legge delle concentrazioni di PM10: nel 2010 si classifica al terzo posto dopo Napoli e Torino; nel 2011 al quinto posto. La centralina che rileva i dati relativi all’inquinamento è posizionata all’interno del parco della cittadella. 

4 Marzo 2016: l’ex primario di Pneumologia di Torrette, dottor Floriano Bonifazi, presenta al Comune di Ancona il PIA (Piano Inquinamento Ancona). Dopo aver presentato e documentato con dati scientifici la pericolosità e gli effetti sulla salute degli inquinanti atmosferici, Bonifazi propone un piano d’intervento: una centralina mobile in viaggio per la città che raccolga costantemente i livelli di polveri sottili per dare allarmi e indicazioni ai cittadini sulle zone da evitare quando ci sono picchi di sostanze dannose; fare prevenzione e mettere in atto politiche e iniziative mirate e su misura per la riduzione delle varie fonti di inquinamento. 

Maggio 2017: la giunta comunale approva la proposta. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un’esperienza di Alternanza Scuola-Lavoro al Museo Omero:

Dopo aver intrapreso il percorso dei beni culturali e aver svolto il compito di “cicerone” nelle giornate del F.A.I., ho deciso di svolgere il mio tirocinio lavorativo presso il museo tattile statale Omero, situato nella Mole Vanvitelliana, nei giorni 21/22 e 28/29 Aprile. 
Il mio primo compito è stato quello di familiarizzare con il nuovo ambiente, perciò oltre a visitare i luoghi dove sono esposte le opere, sono venuta a conoscenza anche dei reparti con i quali il “pubblico” del museo non entra spesso in contatto, come gli uffici, i laboratori didattici o le scale d’emergenza, e con i sistemi di sicurezza e di allarmi; è infatti fondamentale conoscere bene l’ambiente interno di un luogo di lavoro per le diverse necessità che possono presentarsi, ad esempio è stato molto importante per me sapere dove era situato l’ascensore, che mi ha permesso di accompagnare facilmente verso l’uscita alcuni visitatori disabili che non potevano utilizzare le scale. Sono stata fin da subito accolta.

TUTTO SI PUO' PERDONARE. VIDEO DELLA VITTORIA DEL RINALDINI AL V TORNEO NAZIONALE DI DIBATTITO

Il dibattito è uno sport violento, una lotta, ma le vostre armi sono le parole.
Denzel Washington in The Great Debaters - Il potere della parola
Tutto si può perdonare? Prova a rispondere alla domanda del titolo. Enunciando chiaramente la posizione assunta (sì o no), fornendo solidi esempi e inconfutabili prove a sostegno della tua posizione, replicando fermo e pacato alle eventuali obiezioni e chiudendo la tua argomentazione con un colpo retorico in grado di far restare la tua posizione ben impressa nel mente dell'uditorio. Provaci e dimmi poi com'è andata. È questo lo spirito di un dibattito. E la domanda del titolo è stato il topico della V finalissima del Torneo nazionale di dibattito Palestra di Botta e Risposta svoltosi nel maestoso Studio Teologico del Santo della Basilica Sant’Antonio di Padova. L’incontro conclusivo si è svolto tra la squadra del Liceo Rinaldini di Ancona allenata dalla prof.ssa Alessia Ascani che ha dovuto sostenere l’onere del PRO e la squadra del Li…

60 MILA FRANCOBOLLI

Sono finite le lezioni della mattina e nell'atrio del Liceo delle Scienze Umane si affollano gli studenti del quinto anno, che improvvisano banchetti e ridono come non mai.  Finalmente quasi sono le 14.30…ma che succede? L’ospite d’onore non è presente?!  Niente paura. La professoressa Giostra prende in mano la situazione e aggiorna gli studenti ancora inconsapevoli di ciò che li attende.  Al cinquantasettesimo secondo, la porta del salone si apre e l'avvocato Andrea Nobili, Garante dei Diritti delle persone detenute o private della libertà personale della Regione Marche, fa la sua entrata trionfale nell'auditorium del Liceo. “La scuola incontra il carcere” e il Garante “cattura” subito gli studenti in un intricato labirinto di leggi, codici e trattati.
Oggi i ragazzi conoscono le carceri dalle serie tv:  Top crime, Prison breack, Orange is the new black, ma ciò che ci racconta l’avvocato è... la realtà.,, quella di molte persone, di più o meno 60 mila carcerati regolari…