Passa ai contenuti principali

Le terzine di Serafino Gubbio


Serafino Gubbio stesso si definisce “una mano che gira la manovella”: il suo lavoro è quello di registrare impassibilmente le scene che gli si svolgono davanti. 

Direttamente dal 53° Convegno di studi pirandelliani di Agrigento, dalla Concorso Scrittura Creativa: un gruppo di studenti della  4Cm ha riscritto la conclusione del romanzo “Quaderni di Serafino Gubbio operatore” in terzine dantesche, operazione inconsueta e stimolante…Eccole.

Siam diventati macchina del tutto
da quando con freddezza abbiam mangiato
la scena finta dal reale lutto.
Abbiam così le note completato,
si chiude il sipario: il silenzio intorno
condannati a ricordare il passato.

Or narreremo i fatti di quel giorno
che dal protestar del Nuti hanno inizio.
Lui disse: “Non voglio nessuno attorno!”

per nulla gradendo il loro giudizio.
E il Polacco: “C’è Gubbio nella gabbia
a girare la scena del supplizio!”

Così si scatenò la nostra rabbia:
non v’era necessità di attenzione.
La nostra presenza non era dubbia.

Fu rispettata la nostra opinione,
eppure gli uomini furono armati
mentre le tigri erano nel gabbione.

L’una lì, coi suoi artigli spiegati
pronta a sfidare la sua controparte,
l’altra discosta con gli occhi abbassati
con l’orso parlando stava in disparte.
Rivolto al suolo il suo falso sorriso,
non ci incantava la sua celebre arte.

Guardammo il Nuti: teso aveva il viso
e col suo vestito da cacciatore
ad affrontar l’una e l’altra deciso.

Ci sistemammo nel punto migliore
e il Nuti scostò da un lato le fronde
sulla scena, architettando l’errore;

a noi erano ignote le sue tremende
intenzioni, e fummo pronti a girare.
Come fra i fili il ragno si nasconde

aspettando un insetto da assaltare,
la tigre in agguato, la schiena arcuata,
aguzze le zanne, pronta a saltare.

La mano si muoveva non guidata
per nutrire la macchina da presa,
di sangue e lacrime sempre affamata.

Lo vedemmo lì con la canna tesa
da una tigre all’altra spostar la mira
per poi sparare alla belva indifesa,

ed ecco l’altra attaccare con ira:
del cacciatore il corpo dilaniava,
lui e lei una cosa sola erano ora.

Tutt’intorno c’era gente che urlava
per la donna caduta a terra morta
mentre la mano a girar seguitava.

Ci spaventammo per la sorte incerta,
finché non ci salvò una rivoltella
e ci trassero fuori dalla porta.

Non si era arrestata la manovella
che a tre vite aveva dato il saluto
in quella cupa mortifera cella.

Demmo alla Casa un grosso contributo
col tragico film girato quel dì,
e noi muti per il trauma vissuto.

Non avremmo supposto che così
sarebbe finita la nostra storia:
noi salvi, soli, nel silenzio qui,

costretti a vivere nella memoria
il dramma che per sempre ci ha segnati,
senza curarci di soldi e di gloria.

Grazie a tutti per averci aiutati,
ma un vero operator non si ritira,
noi in questo silenzio siamo appagati,


io e questa macchina: “Attenti, si gira…”

Commenti

Post popolari in questo blog

16° “Festival di Primavera”. Il nostro coro a Montecatini Terme

Come ormai consuetudine, anche quest’anno il Coro d’Istituto ha partecipato, dal 18 al 21 aprile, al noto Festival Corale Nazionale “Festival di Primavera” di Montecatini Terme, giunto alla sedicesima edizione.
Sono stati 34 i cori partecipanti all’edizione 2018 provenienti da tutte le regioni per un totale di oltre 1000 ragazzi.
Al Coro d’Istituto del Liceo è stato assegnato l’atelier “Sospesi tra mare e terra”, un racconto fiabesco fatto di tradizione e vita vissuta, narrato attraverso canti popolari occitani, còrsi e provenienti da varie regioni italiane.
I brani oggetto di studio, Eramu in camu (tradizionale corso), La Sobirana (popolare occitano), Ma lu trenu di Bastie (tradizionale toscano/corso), Son sonate le nove di Roma (popolare della maremma), Au pays de Lérida (tradizionale occitano) sono stati proposti dal M° Simone Faraoni, direttore di coro ed etnomusicologo.
I 38 ragazzi del Coro d’Istituto si sono esibiti nella serata “da coro a coro” nello splendido teatro del Cent…

ANCORA VITTORIA PER GLI SCACCHISTI DEL RINALDINI

Dopo un oro alle Nazionali del 2016, un bronzo a quelle del 2017 ed un consolidato dominio della classifica regionale difeso ormai da quattro anni, lo scacchismo del liceo Rinaldini ha ottenuto ulteriore conferma del proprio valore con i successi ottenuti alle gare provinciali, disputate lo scorso 16 marzo ad Osimo, all’interno del Palabaldinelli. In tale contesto, sia la squadra Junioresfemminile (Caterina Maggi 3 Ct, Sofia Terranova 4 Cm, Agnese Sabbatini 2 At, Gloria Scatizza 5 G) , che quella Allievimaschile (Masera Lorenzo 3 Dm, Valenza Nicola 3 Dm, Sabbatini Diego 2 At, Antonelli Bartolomeo 3 Dm) si sono classificate al primo posto, mentre onorevole piazzamento è stato ottenuto dalla squadra Allievi mista (Doga Francesco 2 Bm, Fiorini Alessia 3 Dm, Cinotti Federico 2 Bm, Cucculelli Andrea 2Cm). A seguito di tanti e tali successi è dunque parso giusto e doveroso intervistare, congratulandoci con loro, due membri della squadra femminile cui dobbiamo l’ultima conquista di questo per…

Un’esperienza di Alternanza Scuola-Lavoro al Museo Omero:

Dopo aver intrapreso il percorso dei beni culturali e aver svolto il compito di “cicerone” nelle giornate del F.A.I., ho deciso di svolgere il mio tirocinio lavorativo presso il museo tattile statale Omero, situato nella Mole Vanvitelliana, nei giorni 21/22 e 28/29 Aprile. 
Il mio primo compito è stato quello di familiarizzare con il nuovo ambiente, perciò oltre a visitare i luoghi dove sono esposte le opere, sono venuta a conoscenza anche dei reparti con i quali il “pubblico” del museo non entra spesso in contatto, come gli uffici, i laboratori didattici o le scale d’emergenza, e con i sistemi di sicurezza e di allarmi; è infatti fondamentale conoscere bene l’ambiente interno di un luogo di lavoro per le diverse necessità che possono presentarsi, ad esempio è stato molto importante per me sapere dove era situato l’ascensore, che mi ha permesso di accompagnare facilmente verso l’uscita alcuni visitatori disabili che non potevano utilizzare le scale. Sono stata fin da subito accolta.