Passa ai contenuti principali

“FLASH” UNO SCATTO E VIA! UN PROGETTO FRESCHISSIMO SUL POLVEROSO GENERE DELL’EPIGRAMMA

Perché “Flash”? Estremamente breve e conciso, l'epigramma è capace di immortalare, così da renderlo eterno, anche il più piccolo attimo, proprio come lo scatto di una macchina fotografica.
Un viaggio lungo la traiettoria di una freccia ideale che, sintetica come un epigramma e luminosa come un flash, dalla Grecia del 3^ secolo a.C.  passa per la Roma imperiale e punta dritto al cuore della contemporaneità: l’America del Novecento.

Il progetto “Flash” (leggi la presentazione ufficiale), proposto e condotto dalle professoresse di latino, greco e inglese Paola Piattella, Maria Silvia Possanzini e Vera Valletta ha sensibilizzato gli studenti, rivolgendosi in particolare ai ragazzi del IV e V anno, allo studio comparato, insegnando loro a superare gli steccati delle singole materie e invitandoli alla mediazione culturale. 
Il corso è durato un mese circa, scandito in quattro incontri: i primi due, nei quali ogni professoressa ha presentato la sua materia in relazione al genere epigrammatico e a un autore specifico, Leonida di Taranto, Marziale, Edgar Lee Masters, attentamente analizzato e curato nelle sue produzioni. 
Versi, immagini, emozioni, ironia: un'esplorazione da tre angolazioni diverse del legame che intreccia la letteratura classica e la sua evoluzione verso la letteratura contemporanea, toccando anche la musica d’autore italiana (con la ripresa dell’opera di Masters nell’album di De Andrè “Non al denaro, né all’amore, né al cielo”) e svelando storie di donne, uomini e tragiche realtà, come nel video “Morire di lavoro” di D. Segre che intensifica il tema della morte sul lavoro, attuale nella Grecia di Leonida come nell’Italia di oggi.

Gli ultimi due incontri sono stati invece di laboratorio: noi ragazzi ci siamo divisi in gruppi e ci siamo cimentati nella traduzione di testi dal latino e dal greco all’inglese, e dall’inglese all’italiano.  L’innovazione del progetto è stata nella possibilità di comparare, attraverso lo studio contemporaneo di tre lingue, stili, tematiche, letterature diverse, anche se riguardanti lo stesso argomento. I risultati del nostro lavoro sono questi



Un lavoro interessante e di grande impatto, che ha di certo arricchito il bagaglio di conoscenze dei partecipanti, e che magari i ragazzi del V anno potrebbero sfoderare nel loro colloquio d’esame. 
Gli studenti ne sono rimasti entusiasti, hanno visto nel corso la possibilità di aprirsi a una modalità di traduzione innovativa e piacevole, fatta di comparazioni e collegamenti tra le materie, e resa divertente anche attraverso la collaborazione tra gruppi e il metodo del confronto. 


Un progetto che merita certamente di essere riproposto nei prossimi anni, anche con altri argomenti e generi letterari. 

Margherita Turchetti V CM

Commenti

Post popolari in questo blog

16° “Festival di Primavera”. Il nostro coro a Montecatini Terme

Come ormai consuetudine, anche quest’anno il Coro d’Istituto ha partecipato, dal 18 al 21 aprile, al noto Festival Corale Nazionale “Festival di Primavera” di Montecatini Terme, giunto alla sedicesima edizione.
Sono stati 34 i cori partecipanti all’edizione 2018 provenienti da tutte le regioni per un totale di oltre 1000 ragazzi.
Al Coro d’Istituto del Liceo è stato assegnato l’atelier “Sospesi tra mare e terra”, un racconto fiabesco fatto di tradizione e vita vissuta, narrato attraverso canti popolari occitani, còrsi e provenienti da varie regioni italiane.
I brani oggetto di studio, Eramu in camu (tradizionale corso), La Sobirana (popolare occitano), Ma lu trenu di Bastie (tradizionale toscano/corso), Son sonate le nove di Roma (popolare della maremma), Au pays de Lérida (tradizionale occitano) sono stati proposti dal M° Simone Faraoni, direttore di coro ed etnomusicologo.
I 38 ragazzi del Coro d’Istituto si sono esibiti nella serata “da coro a coro” nello splendido teatro del Cent…

ANCORA VITTORIA PER GLI SCACCHISTI DEL RINALDINI

Dopo un oro alle Nazionali del 2016, un bronzo a quelle del 2017 ed un consolidato dominio della classifica regionale difeso ormai da quattro anni, lo scacchismo del liceo Rinaldini ha ottenuto ulteriore conferma del proprio valore con i successi ottenuti alle gare provinciali, disputate lo scorso 16 marzo ad Osimo, all’interno del Palabaldinelli. In tale contesto, sia la squadra Junioresfemminile (Caterina Maggi 3 Ct, Sofia Terranova 4 Cm, Agnese Sabbatini 2 At, Gloria Scatizza 5 G) , che quella Allievimaschile (Masera Lorenzo 3 Dm, Valenza Nicola 3 Dm, Sabbatini Diego 2 At, Antonelli Bartolomeo 3 Dm) si sono classificate al primo posto, mentre onorevole piazzamento è stato ottenuto dalla squadra Allievi mista (Doga Francesco 2 Bm, Fiorini Alessia 3 Dm, Cinotti Federico 2 Bm, Cucculelli Andrea 2Cm). A seguito di tanti e tali successi è dunque parso giusto e doveroso intervistare, congratulandoci con loro, due membri della squadra femminile cui dobbiamo l’ultima conquista di questo per…

Un’esperienza di Alternanza Scuola-Lavoro al Museo Omero:

Dopo aver intrapreso il percorso dei beni culturali e aver svolto il compito di “cicerone” nelle giornate del F.A.I., ho deciso di svolgere il mio tirocinio lavorativo presso il museo tattile statale Omero, situato nella Mole Vanvitelliana, nei giorni 21/22 e 28/29 Aprile. 
Il mio primo compito è stato quello di familiarizzare con il nuovo ambiente, perciò oltre a visitare i luoghi dove sono esposte le opere, sono venuta a conoscenza anche dei reparti con i quali il “pubblico” del museo non entra spesso in contatto, come gli uffici, i laboratori didattici o le scale d’emergenza, e con i sistemi di sicurezza e di allarmi; è infatti fondamentale conoscere bene l’ambiente interno di un luogo di lavoro per le diverse necessità che possono presentarsi, ad esempio è stato molto importante per me sapere dove era situato l’ascensore, che mi ha permesso di accompagnare facilmente verso l’uscita alcuni visitatori disabili che non potevano utilizzare le scale. Sono stata fin da subito accolta.