Passa ai contenuti principali

IL CAMBIAMENTO DOBBIAMO ESSERE NOI

Mi chiamo Dana. Sono nata e cresciuta in Italia, ma ho origini ucraine. 
Anche se questo non importa. Non importa dove sono nata io, o dove siete nati voi. Siamo tutti fratelli e siamo tutti nati nella stessa casa, nel nostro pianeta. 
E ora, mi chiedo dove nasceranno le prossime generazioni. Mi chiedo cosa lasceremo. Mi chiedo in che condizioni. Mi chiedo il perché siamo arrivati fino a questo punto. Ho tante domande a cui purtroppo non riesco a dare una risposta. 
Il nostro problema è che diamo la colpa al tempo. Pensiamo che sia il tempo che rovina le cose. Quello che ignoriamo, perché in fondo noi lo sappiamo, è che siamo noi che determiniamo il tempo. Siamo noi che lo acceleriamo. La Terra sta invecchiando e sta morendo a causa nostra. Noi stiamo finendo il nostro tempo, lo stiamo consumando, e lo sappiamo. 

Pensiamo sempre che se c’è qualcosa da fare, lo farà qualcuno. Non riusciamo a capire che dobbiamo essere noi quel qualcuno. Non serve far parte di qualche associazione per fare un cambiamento, ognuno di noi può farlo. Ognuno di noi può essere un cambiamento. Ognuno di noi DEVE essere IL cambiamento. 
Il nostro problema è che viviamo nell’esagerazione, nel “troppo”. Vogliamo sempre di più. Non ci basta nulla. Ma la verità è che è proprio questo che ci impoverisce. Pensiamo che per fare il cambiamento dobbiamo fare le rivuluzioni, inventare cose su cose, quando invece per cambiare basta non farlo. Dovremmo lasciare le cose immutate, così come ce le offre la natura, perché sono un dono. 
Un dono che non apprezziamo, che sradichiamo e gettiamo per far spazio alle cose inutili ed effimere. Perché prima o poi tutto finisce, e ora come ora porterà con sé anche ciò che sarebbe dovuto essere immutabile.
E francamente, per quanto sia una cosa che ci appare crudele, le conseguenze che subiremo noi ce le meritiamo. Perché è colpa nostra. È tardi, ma siamo ancora in tempo. Siamo in tempo di cambiare le cose. E non “qualcuno”, ma TUTTI insieme.

di Dana Artem






Commenti

Post popolari in questo blog

Un’esperienza di Alternanza Scuola-Lavoro al Museo Omero:

Dopo aver intrapreso il percorso dei beni culturali e aver svolto il compito di “cicerone” nelle giornate del F.A.I., ho deciso di svolgere il mio tirocinio lavorativo presso il museo tattile statale Omero, situato nella Mole Vanvitelliana, nei giorni 21/22 e 28/29 Aprile. 
Il mio primo compito è stato quello di familiarizzare con il nuovo ambiente, perciò oltre a visitare i luoghi dove sono esposte le opere, sono venuta a conoscenza anche dei reparti con i quali il “pubblico” del museo non entra spesso in contatto, come gli uffici, i laboratori didattici o le scale d’emergenza, e con i sistemi di sicurezza e di allarmi; è infatti fondamentale conoscere bene l’ambiente interno di un luogo di lavoro per le diverse necessità che possono presentarsi, ad esempio è stato molto importante per me sapere dove era situato l’ascensore, che mi ha permesso di accompagnare facilmente verso l’uscita alcuni visitatori disabili che non potevano utilizzare le scale. Sono stata fin da subito accolta.

TUTTO SI PUO' PERDONARE. VIDEO DELLA VITTORIA DEL RINALDINI AL V TORNEO NAZIONALE DI DIBATTITO

Il dibattito è uno sport violento, una lotta, ma le vostre armi sono le parole.
Denzel Washington in The Great Debaters - Il potere della parola
Tutto si può perdonare? Prova a rispondere alla domanda del titolo. Enunciando chiaramente la posizione assunta (sì o no), fornendo solidi esempi e inconfutabili prove a sostegno della tua posizione, replicando fermo e pacato alle eventuali obiezioni e chiudendo la tua argomentazione con un colpo retorico in grado di far restare la tua posizione ben impressa nel mente dell'uditorio. Provaci e dimmi poi com'è andata. È questo lo spirito di un dibattito. E la domanda del titolo è stato il topico della V finalissima del Torneo nazionale di dibattito Palestra di Botta e Risposta svoltosi nel maestoso Studio Teologico del Santo della Basilica Sant’Antonio di Padova. L’incontro conclusivo si è svolto tra la squadra del Liceo Rinaldini di Ancona allenata dalla prof.ssa Alessia Ascani che ha dovuto sostenere l’onere del PRO e la squadra del Li…

60 MILA FRANCOBOLLI

Sono finite le lezioni della mattina e nell'atrio del Liceo delle Scienze Umane si affollano gli studenti del quinto anno, che improvvisano banchetti e ridono come non mai.  Finalmente quasi sono le 14.30…ma che succede? L’ospite d’onore non è presente?!  Niente paura. La professoressa Giostra prende in mano la situazione e aggiorna gli studenti ancora inconsapevoli di ciò che li attende.  Al cinquantasettesimo secondo, la porta del salone si apre e l'avvocato Andrea Nobili, Garante dei Diritti delle persone detenute o private della libertà personale della Regione Marche, fa la sua entrata trionfale nell'auditorium del Liceo. “La scuola incontra il carcere” e il Garante “cattura” subito gli studenti in un intricato labirinto di leggi, codici e trattati.
Oggi i ragazzi conoscono le carceri dalle serie tv:  Top crime, Prison breack, Orange is the new black, ma ciò che ci racconta l’avvocato è... la realtà.,, quella di molte persone, di più o meno 60 mila carcerati regolari…