Passa ai contenuti principali

Jones il violinista (Edgar Lee Masters, Spoon River Anthology)


La terra continua ad emanare una vibrazione,
là nel tuo cuore, e quella sei tu.
E se la gente scopre che sai suonare,
allora suonare devi, per tutta la vita.
Che cosa vedi, un raccolto di trifoglio?
O un prato da attraversare per raggiungere il fiume?
Il vento è nel granturco; ti freghi le mani
Perché i tuoi buoi sono ora pronti per il mercato;
oppure senti il fruscio delle gonne
come le ragazze che ballano nel Boschetto.
Per Cooley Potter una colonna di polvere
O un mulinar di foglie significarono rovinosa siccità
A me sembravano simili a Sammy Testa-Rossa
mentre balla al ritmo di Toor a Loor.
Come potevo coltivare i miei 40 acri,
per non parlare di prenderne altri
con quella miscellanea di corvi, fagotti e ottavini
che cornacchie e pettirossi mi agitavano in testa
e il cigolio di un mulino a vento – solo questo?
E non ho mai iniziato ad arare in vita mia
Senza che qualcuno si fermasse per la strada
E mi portasse via, a una danza o a una merenda.
Finii con 40 acri,
finii con un violino spezzato
e una risata rotta, mille ricordi,
e neppure un rimpianto

(Marta Bolognini - Matteo Moretti - Martina Stimilli)


La Terra mantiene una certa vibrazione che va
lì, nel tuo cuore, e quella sei tu.
E se la gente scopre che tu sai suonare il violino,
ebbene dovrai suonare il violino tutta la vita.
Cosa vedi, un raccolto di trifogli?
O una prateria da attraversare per il fiume?
Il vento è tra le spighe; tu ti strofini le mani
Per la carni già pronte per il mercato;
oppure senti il fruscio delle gonne
come le ragazze quando ballano al “Little Grove”.
Per Clooney Potter un vortice di polvere
o foglie che piroettavano volevano dire una rovinosa siccità;
a me sembravano come Sonny Testa-Rossa
che danza al ritmo di “Toor-a-Loor”.
Come potrei arare i miei quaranta acri
per non parlare dell’acquistarne altri,
con un insieme di corni, fagotti e ottavini
stimolati nella mia mente da corvi e tordi
e il cigolio di un mulino a vento – che altro?
E non ho mai iniziato a usare l’aratro nella mia vita
che qualcuno non si fermasse per la strada
e mi trascinasse a un ballo o a un picnic.
Sono finito con quaranta acri
sono finito con un violino rotto –
e una risata spezzata, e mille ricordi
e non un solo rimpianto.

(Agnese Bruglia - Lucia Copparoni - Rebecca Vida Gambelli)

Commenti

Post popolari in questo blog

16° “Festival di Primavera”. Il nostro coro a Montecatini Terme

Come ormai consuetudine, anche quest’anno il Coro d’Istituto ha partecipato, dal 18 al 21 aprile, al noto Festival Corale Nazionale “Festival di Primavera” di Montecatini Terme, giunto alla sedicesima edizione.
Sono stati 34 i cori partecipanti all’edizione 2018 provenienti da tutte le regioni per un totale di oltre 1000 ragazzi.
Al Coro d’Istituto del Liceo è stato assegnato l’atelier “Sospesi tra mare e terra”, un racconto fiabesco fatto di tradizione e vita vissuta, narrato attraverso canti popolari occitani, còrsi e provenienti da varie regioni italiane.
I brani oggetto di studio, Eramu in camu (tradizionale corso), La Sobirana (popolare occitano), Ma lu trenu di Bastie (tradizionale toscano/corso), Son sonate le nove di Roma (popolare della maremma), Au pays de Lérida (tradizionale occitano) sono stati proposti dal M° Simone Faraoni, direttore di coro ed etnomusicologo.
I 38 ragazzi del Coro d’Istituto si sono esibiti nella serata “da coro a coro” nello splendido teatro del Cent…

Un’esperienza di Alternanza Scuola-Lavoro al Museo Omero:

Dopo aver intrapreso il percorso dei beni culturali e aver svolto il compito di “cicerone” nelle giornate del F.A.I., ho deciso di svolgere il mio tirocinio lavorativo presso il museo tattile statale Omero, situato nella Mole Vanvitelliana, nei giorni 21/22 e 28/29 Aprile. 
Il mio primo compito è stato quello di familiarizzare con il nuovo ambiente, perciò oltre a visitare i luoghi dove sono esposte le opere, sono venuta a conoscenza anche dei reparti con i quali il “pubblico” del museo non entra spesso in contatto, come gli uffici, i laboratori didattici o le scale d’emergenza, e con i sistemi di sicurezza e di allarmi; è infatti fondamentale conoscere bene l’ambiente interno di un luogo di lavoro per le diverse necessità che possono presentarsi, ad esempio è stato molto importante per me sapere dove era situato l’ascensore, che mi ha permesso di accompagnare facilmente verso l’uscita alcuni visitatori disabili che non potevano utilizzare le scale. Sono stata fin da subito accolta.

TUTTO SI PUO' PERDONARE. VIDEO DELLA VITTORIA DEL RINALDINI AL V TORNEO NAZIONALE DI DIBATTITO

Il dibattito è uno sport violento, una lotta, ma le vostre armi sono le parole.
Denzel Washington in The Great Debaters - Il potere della parola
Tutto si può perdonare? Prova a rispondere alla domanda del titolo. Enunciando chiaramente la posizione assunta (sì o no), fornendo solidi esempi e inconfutabili prove a sostegno della tua posizione, replicando fermo e pacato alle eventuali obiezioni e chiudendo la tua argomentazione con un colpo retorico in grado di far restare la tua posizione ben impressa nel mente dell'uditorio. Provaci e dimmi poi com'è andata. È questo lo spirito di un dibattito. E la domanda del titolo è stato il topico della V finalissima del Torneo nazionale di dibattito Palestra di Botta e Risposta svoltosi nel maestoso Studio Teologico del Santo della Basilica Sant’Antonio di Padova. L’incontro conclusivo si è svolto tra la squadra del Liceo Rinaldini di Ancona allenata dalla prof.ssa Alessia Ascani che ha dovuto sostenere l’onere del PRO e la squadra del Li…