Passa ai contenuti principali

DUECENTO ANNI DI INFINITO

Corrado Bologna, accademico e filologo italiano, in visita speciale presso il liceo di Stato “Carlo Rinaldini” di Ancona per un faccia a faccia con gli studenti e i professori, alla scoperta del pensiero e della profonda tradizione lasciataci da uno dei più grandi letterati italiani, Giacomo Leopardi.

Nel pomeriggio di giovedì 29 novembre il Liceo di Stato Carlo Rinaldini di Ancona ha avuto il piacere di ospitare il professore Corrado Bologna, accademico e filologo italiano, che ha tenuto una lectio magistralis dal titolo “Duecento anni di Infinito”. 
Il professore Bologna ha esposto un’interessante analisi del pensiero leopardiano, partendo da “L’Infinito”, la poesia più famosa di Leopardi, confrontando le parole e la forma della poesia stessa con autori successivi al poeta marchigiano.
 “L’Infinito” parla del raggiungimento dell’io, inteso come l’individuo stesso, attraverso un percorso esplorativo interiore. Leopardi è andato oltre il limite materiale, oltre la “siepe”, si è abbandonato consapevolmente ad una dimensione che va al di là della realtà e ha raggiunto l’infinito. 
“L’infinito è il dono della parola, dell’universo che ruota intorno a questa” spiega Bologna. E come tale, questa parola ha bisogno di un limite, di un interlocutore a cui rivolgersi, per divenire universale. La parola è una figura dell’altro: l’interlocutore sceglie se farla accostare alla sua mente oppure lasciarla procedere per il suo percorso. Può affermarsi presso qualche orecchio, ma non si ferma mai, va oltre. 
Il professor Bologna ha così voluto introdurre i giovani studenti nei meandri del pensiero leopardiano, facendo un confronto con autori anche piuttosto lontani dal poeta, che hanno avuto un rapporto indiretto ma attivo con la sua letteratura.
Ne sono stati citati diversi, appartenenti alle epoche più disparate: dai suoi contemporanei, come Manzoni, che lesse interamente le sue “Operette morali”, fino agli ultra moderni, che hanno portato un po’ del genio nella contemporaneità, come Edgard Allan Poe. 
Anche se è uno degli autori più studiati a scuola, gli studenti hanno provato l’esperienza di vederlo sotto una luce diversa, con occhi più attuali. Hanno in un certo senso superato il ‘limite’ della poesia leopardiana come conoscenza scolastica, individuando nei tempi odierni situazioni e tematiche descritte da Leopardi stesso.
Il professor Bologna ha introdotto il suo discorso con le parole di Gustav Mahler, che non stonano con la chiusura di quest’articolo in quanto potrebbero invitare a una riflessione personalissima e profonda.
“La tradizione non è culto delle ceneri, ma custodia del fuoco.”

Guarda le Slide dell'intervento del prof. Bologna

Margherita Turchetti 5Cm

Commenti

Post popolari in questo blog

16° “Festival di Primavera”. Il nostro coro a Montecatini Terme

Come ormai consuetudine, anche quest’anno il Coro d’Istituto ha partecipato, dal 18 al 21 aprile, al noto Festival Corale Nazionale “Festival di Primavera” di Montecatini Terme, giunto alla sedicesima edizione.
Sono stati 34 i cori partecipanti all’edizione 2018 provenienti da tutte le regioni per un totale di oltre 1000 ragazzi.
Al Coro d’Istituto del Liceo è stato assegnato l’atelier “Sospesi tra mare e terra”, un racconto fiabesco fatto di tradizione e vita vissuta, narrato attraverso canti popolari occitani, còrsi e provenienti da varie regioni italiane.
I brani oggetto di studio, Eramu in camu (tradizionale corso), La Sobirana (popolare occitano), Ma lu trenu di Bastie (tradizionale toscano/corso), Son sonate le nove di Roma (popolare della maremma), Au pays de Lérida (tradizionale occitano) sono stati proposti dal M° Simone Faraoni, direttore di coro ed etnomusicologo.
I 38 ragazzi del Coro d’Istituto si sono esibiti nella serata “da coro a coro” nello splendido teatro del Cent…

ANCORA VITTORIA PER GLI SCACCHISTI DEL RINALDINI

Dopo un oro alle Nazionali del 2016, un bronzo a quelle del 2017 ed un consolidato dominio della classifica regionale difeso ormai da quattro anni, lo scacchismo del liceo Rinaldini ha ottenuto ulteriore conferma del proprio valore con i successi ottenuti alle gare provinciali, disputate lo scorso 16 marzo ad Osimo, all’interno del Palabaldinelli. In tale contesto, sia la squadra Junioresfemminile (Caterina Maggi 3 Ct, Sofia Terranova 4 Cm, Agnese Sabbatini 2 At, Gloria Scatizza 5 G) , che quella Allievimaschile (Masera Lorenzo 3 Dm, Valenza Nicola 3 Dm, Sabbatini Diego 2 At, Antonelli Bartolomeo 3 Dm) si sono classificate al primo posto, mentre onorevole piazzamento è stato ottenuto dalla squadra Allievi mista (Doga Francesco 2 Bm, Fiorini Alessia 3 Dm, Cinotti Federico 2 Bm, Cucculelli Andrea 2Cm). A seguito di tanti e tali successi è dunque parso giusto e doveroso intervistare, congratulandoci con loro, due membri della squadra femminile cui dobbiamo l’ultima conquista di questo per…

Un’esperienza di Alternanza Scuola-Lavoro al Museo Omero:

Dopo aver intrapreso il percorso dei beni culturali e aver svolto il compito di “cicerone” nelle giornate del F.A.I., ho deciso di svolgere il mio tirocinio lavorativo presso il museo tattile statale Omero, situato nella Mole Vanvitelliana, nei giorni 21/22 e 28/29 Aprile. 
Il mio primo compito è stato quello di familiarizzare con il nuovo ambiente, perciò oltre a visitare i luoghi dove sono esposte le opere, sono venuta a conoscenza anche dei reparti con i quali il “pubblico” del museo non entra spesso in contatto, come gli uffici, i laboratori didattici o le scale d’emergenza, e con i sistemi di sicurezza e di allarmi; è infatti fondamentale conoscere bene l’ambiente interno di un luogo di lavoro per le diverse necessità che possono presentarsi, ad esempio è stato molto importante per me sapere dove era situato l’ascensore, che mi ha permesso di accompagnare facilmente verso l’uscita alcuni visitatori disabili che non potevano utilizzare le scale. Sono stata fin da subito accolta.